notizie crociere

IL BLOG DI CROCIERISSIME
Home > DESTINAZIONI > Ancona: storia e gastronomia da scoprire in un giorno di crociera

DESTINAZIONI

Ancona: storia e gastronomia da scoprire in un giorno di crociera

Ancona: storia e gastronomia da scoprire in un giorno di crociera
ottobre 16
18:33 2015

Il nostro viaggio nei porti d’Italia continua e questa volta da La Spezia, di cui ci eravamo occupati settimana scorsa, ci spostiamo nel mar Adriatico e andiamo a scoprire una città scalo di crociere molto interessante: Ancona.

Tra tutte le città da visitare in crociera rivendica un particolare quasi unico nel suo genere e condiviso da poche altre città al mondo: offre lo spettacolo del sole che sorge e tramonta sul mare, grazie alla sua peculiare forma a gomito, come suggerisce l’etimo del nome greco , ankon, da cui la città prende il nome.

Mentre scopriamo la città approfittiamo dei suoi numerosi locali per assaggiare i tanti piatti della cucina anconetana. Sono talmente ricchi e gustosi che per recensirli ci vorrebbe un articolo a parte. In un giorno in crociera però non si può sperare di assaggiare tutto, nella vostra lista segnate però questi capisaldi: il Vincisgrassi (il re delle lasagne i), il brodetto di pesce e lo stoccafisso all’anconetana. Se preferite del veloce cibo da strada allora assaggiate nei numerosi chioschi che troverete la porchetta, i molluschi fritti, i bombetti in porchetta, ovvero lumache di mare da assaggiare almeno una volta nella vita. Da bere vi consiglio il Vermentino o chiedete della birra artigianale: in questa zona molti locali servono birre del luogo, spesso aromatizzate e dal sapore squisito.

Vediamo insieme un itinerario alla scoperta della città che parte appunto dal porto.

L’Arco di Traiano

In fondo al porto domina il trionfale Arco di Traiano, eretto nel I. sec d.c. da Apollodoro di Damasco in onore dell’imperatore Traiano, che fece eseguire importanti opere marittime e scelse Ancona come luogo di partenza per le guerre contro i Daci. Il sito è stato recentemente rinnovato con l’inaugurazione del Porto Antico. Nella stessa zona troviamo come punti di interesse anche il Varco San Primiano, la Lanterna e l’Arco Clementino progettati dal Vanvitelli.

Piazza del Plebiscito

Uscendo dal porto, superato il Teatro delle Muse in forme neoclassiche, si raggiunge comodamente Piazza del Plebiscito, considerata il “salotto cittadino” di Ancona.

Qui non possiamo non visitare la chiesa di San Domenico, che conserva all’interno una Crocifissione del Tiziano e un’Annunciazione del Guercino; la statua di Clemente XII, eretta in segno di gratitudine al papa per aver concesso alla città il porto franco; il palazzo del Governo, attuale sede della prefettura,  e l’Arco Amoroso, in forme rinascimentali.

Museo Archeologico Nazionale delle Marche e dintorni

Si trova all’interno del Palazzo Ferretti di epoca rinascimentale e custodisce collezioni di grande interesse che riguardano l’eta del ferro e le cività picena, greca, gallica e romana.

A poca distanza troviamo il  duecentesco Palazzo del Senato, con i due ordini di bifore, che costituisce un interessante esempio di edilizia civile medievale.

Rimanete in zona per visitare  l’anfiteatro romano risalente al I sec. d.c. , con una capacità di ben 8000 spettatori. Qui possiamo  continuare la passeggiata per godere la splendida vista dal Parco del Cardeto, dove è situato anche un cimitero ebraico.

Piazza Roma

In posizione centrale e cuore del commercio cittadino è  piazza Roma con la caratteristica fontana dei cavalli, disegnata dall’anconetano Scipione Daretti e decorata dallo scultore Darlè nel 1775, nei cui pressi si trova un’altra fontana: la  fontana del Calamo o delle Tredici Cannelle, la cui antichità è attestata dal nome, di derivazione greca, che ricorda l’ambiente palustre in cui sorgeva.

Nel Cinquecento fu restaurata dal Tibaldi: a lui si deve l’aggiunta delle tredici maschere di satiri e fauni in bronzo, che si alternano sopra altrettante vasche sulle quali sgorga ancora oggi l’acqua.

Il Lazzaretto o Mole Vanvitelliana

Si può percorrere il lungo porto per raggiungere il Lazzaretto (detto anche Mole Vanvitelliana), progettata dal Vanvitelli lo stesso architetto che ha progettato la Reggia di Caserta. Con la sua caratteristica pianta pentagonale, fu concepito come un’isola-fortezza sul mare, doveva soddisfare la duplice funzione di carattere sanitario e di difesa del porto. Presso il Lazzaretto ha sede il Museo Tattile Statale Omero, unico in Italia, sede di esposizioni e manifestazioni.

La spiaggia del Passetto

Nella parte opposta della città, raggiungibile con taxi e mezzi pubblici, è da non perdere la spiaggia del Passetto, dalla costa alta e ricca di scogli.

Alla base della rupe vi troviamo centinaia di grotte scavate dai pescatori a partire dalla fine del 1800, allo scopo di ricovero per le barche. Oggi riadattate con materiali di recupero e colorati, le grotte permettono a molte famiglie uno stretto contatto con il mare e creano uno degli ambienti più caratteritici della città.

Stagionalmente è operativo un ascensore dalla pineta sovrastante, altrimenti ci si arriva scendendo una scalinata panoramica (faticosa ma dal panorama mozzafiato, visto che ci troviamo nei pressi del Parco del Conero).

Qui sorge il monumento del Passetto, una grande edicola circolare di stile dorico su alta base, racchiudente un’ara. L’opera è stata realizzata dall’artista anconetano Guido Cirilli negli anni Venti.

 

Continuate a seguirci per scoprire le altre bellezze dei porti italiani, la nostra guida per scoprire gli angoli più belli d’Italia in un giorno di crociera!

Autore

Debora Tesauro

Debora Tesauro

Sono una cruise blogger e content creator per progetti turistici. Scrivo e curo il sito www.cruisefy.com "Assapora una meta, dimentica chi sei. Fatti permerare da storie, sapori, profumi e immagini dei luoghi che visiti. Quando tornerai scoprirai di non essere più la stessa persona."

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Al momento non ci sono commenti, desideri inserirne uno?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Seguici su

Widget Crociere
Ricerca Crociere

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Crocierissime Instagram
Sorry:

- Instagram feed not found.

Archivi

Categorie