notizie crociere

IL BLOG DI CROCIERISSIME
Home > DESTINAZIONI > Mediterraneo Occidentale > Barcellona > Barcellona: cosa visitare e come muoversi

Barcellona

Barcellona: cosa visitare e come muoversi

Barcellona: cosa visitare e come muoversi
luglio 28
13:00 2015
20
SHARES
Barcellona - Sagrada Familia

Barcellona – Sagrada Familia

A maggio, durante l’ultima mia crociera nel Mediterraneo, ho realizzato uno dei miei sogni: ritornare a Barcellona. Avevo avuto modo di visitarla durante una gita scolastica ben 12 anni fa.

Siamo approdati al porto di Barcellona alle 14. La partenza era prevista per le 23, per cui avevamo un bel po’ di ore a disposizione. Il terminal dista qualche chilometro dal centro. È possibile prendere lo shuttle bus, messo a disposizione da MSC, al costo di 8€ per gli adulti e 5€ per i bambini. Oppure attendere il bus T3 alla sinistra del terminal. Il costo del biglietto è di 3,50€ per andata e ritorno. Le corse partono ogni 2-3 minuti. Dovrete scendere all’ultima fermata, proprio ai piedi del monumento in onore a Cristoforo Colombo. Basterà attraversare la strada per trovarvi così lungo La Rambla.

Se è la prima volta che visitate Barcellona, vi consiglio come prima tappa la Sagrada Familia. La metropolitana dista circa 200 metri dalla fermata dell’autobus. La stazione più vicina è Drassanes (linea verde L3). Il costo del biglietto è di 2,50€ per la sola andata e di 3,50€ per andata e ritorno. Seguite le indicazione per la linea viola L2. Giunti a destinazione vi troverete dinanzi ad uno dei capolavori più belli del mondo.

?

Barcellona – Sagrada Familia

Sagrada-Familia-Crocifisso

Barcellona – Sagrada Familia

Antoni Gaudì dedicò la sua vita alla realizzazione della Sagrada Familia. Resosi conto che la costruzione della chiesa avrebbe comportato decenni, se non secoli, egli preferì completare alcune sezioni dell’edificio, come per lasciare ai suoi successori una testimonianza precisa del suo progetto. Dopo la sua morte nel 1926 i lavori furono interrotti dallo scoppio della Guerra Civile Spagnola; ripresero poi nel 1952 sotto la guida di un altro architetto, che cambiò il disegno originale, andato perso a causa di un bombardamento durante la guerra. Attualmente i lavori vanno a rilento ma si pensa di completare l’opera entro il 2030, grazie anche alle numerose offerte dei fedeli.
La Sagrada Familia è uno dei monumenti simbolo di Barcellona ed è l’attrazione più visitata. È consigliato quindi prenotare i biglietti online, per evitare code e soprattutto assicurarsi un biglietto.

E ora direzione Casa Batllò, uno degli edifici residenziali più stravaganti d’Europa. Riprendiamo così la metro viola L2, fermata Passeig de Gracia.
Conosciuta come la Casa di los huesos (casa delle ossa), deve il suo nome alla sua originale architettura: secondo alcuni studiosi i balconi somigliano ad un cranio con naso ed occhi; altri invece li paragonano a maschere veneziane. La facciata è composta da un mosaico di vetro e ceramica. Il tetto fa pensare alla parte posteriore incurvata di un drago, e le piastrelle in ceramica che lo coprono alle sue scale. Giunti all’interno verrete travolti dal vortice di curve, onde e spirali a testimonianza del rifiuto di Gaudì verso le linee rette.

Barcellona – Mercato La Boqueria

Da Passeig de Gracia prendiamo il bus 24 che ci condurrà al Parc Guell, altro straordinario capolavoro di Gaudì dichiarato Patrimonio Mondiale dell’UNESCO nel 1984. Vi sembrerà di catapultarvi in una realtà parallela tra comignoli a forma di fungo, arcate gotiche, le casette in stile Hansel e Gretel. Magnifico è il Tempio Dorico, una foresta di ben 88 colonne; il Banc de Tracadis, una lunghissima panchina rivestita completamente in ceramica; la Sala Hipostila e la Sala de las Columnas, dove si trovano enormi colonne doriche separate da spazi sovrastati da un tetto ondulato. La visita al parco dura circa due ore.

Abbiamo ancora qualche ora a disposizione. Decidiamo così di raggiungere a piedi La Rambla attraversando il Barrio Gotico, il quartiere gotico di Barcellona rinomato per i suoi monumenti. Qui troverete anche ristoranti, negozi e boutique in ogni angolo.

Barcellona - Mercato La Boqueria

Barcellona – Mercato La Boqueria

Barcellona - Mercato La Boqueria

Barcellona – Mercato La Boqueria

Barcellona - Mercato La Boqueria

Barcellona – Mercato La Boqueria

La nostra ultima tappa è la Boqueria, uno dei mercati alimentari più famosi d’Europa. Me ne avevano parlato così bene che non potevo non visitarlo. Da un semplice giro veloce, la mia visita si è trasformata in un vero e proprio tour tra foto, degustazioni e compere. Ogni singolo chiosco è curato nei minimi dettagli, a partire dalla particolare esposizione della frutta, enorme eh! Mai viste ciliegie o banane così grandi. Per non parlare dei banchetti dedicati al cioccolato o ai dolciumi in pasta di zucchero; le centinaia di spezie e verdure; succhi e premute di frutta fresca d’ogni tipo; pesce fresco e di qualità.

E ora godiamoci la nostra bella passeggiata lungo le Rambles tra statue viventi, suonatori ambulanti, mimi, caricaturisti, cartomanti e chi più ne ha più ne metta.

?

20
SHARES

Autore

Mena Santoro

Mena Santoro

Sono nata nel 1985 in una delle più belle città del mondo, Napoli. Il mio percorso lavorativo ha inizio nel 2006 con la laurea in Management delle Imprese turistiche e la qualifica di Hostess di Terra. Pian piano mi sono addentrata nel settore turistico dando vita al mio blog Viaggi e Turismo e lavorando con Tour Operator, Apt e Magazine, come GrouponMag. Eterna sognatrice, nel 2014 sono riuscita a coronare uno dei miei sogni: salire a bordo di una nave da crociera. Attualmente sono alla mia quarta esperienza, ma ne farei una al mese, se potessi! Ed eccomi approdata qui ora, pronta a farvi sognare e a condurvi in luoghi magnifici. D’altronde viaggiare è come innamorarsi, il mondo si fa nuovo…

1 Commento

Scrivi un commento

Seguici su

Widget Crociere
Ricerca Crociere

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Crocierissime Instagram
Sorry:

- Instagram feed not found.

Archivi

Categorie