notizie crociere

IL BLOG DI CROCIERISSIME
Home > DESTINAZIONI > Mediterraneo Occidentale > Baleari > Minorca in crociera: dove andare

Baleari

Minorca in crociera: dove andare

Minorca in crociera: dove andare
agosto 12
13:35 2016

L’isola di Minorca è mèta di molte crociere nel Mediterraneo e in particolare alle Baleari, ed è abbastanza piccola da poter vedere, con un giorno di sosta a disposizione, almeno una delle sue cittadine e una delle sue stupende spiagge. A voi la scelta su come organizzare l’escursione libera noleggiando un’auto o uno scooter per qualche ora: questi sono i luoghi a mio avviso più belli, quelli tra cui scegliere per esser certi di non sbagliare e godersi il meglio.

Sull’isola sono due i centri principali: Mahon, dove attraccherete, e Ciutadella.

Il primo presenta ancora molto l’influenza della dominazione inglese negli edifici e nell’ambiente cosmopolita: andateci per pranzo, così da provare uno dei ristorantini tipici del centro storico, nella parte alta della città. Altrimenti anche di sera Mahon regala scorci niente male, mentre le piazze si riempiono di gente, musica e spettacoli soprattutto in estate. Siamo sulla costa sud-est dell’isola ed è da qui che partono e arrivano le navi per Palma di Maiorca, Valencia o Barcellona.

Mahon

La seconda, Ciutadella, è sulla costa nord-ovest dell’isola, raggiungibile percorrendo per tutta la sua lunghezza la strada principale, la ME-1. Ciutadella a mio avviso è più caratteristica e più solare di Mahon: il porticciolo è delizioso con le barche ormeggiate davanti ai negozietti, agli atelier e ai ristoranti che di sera si riempiono e profumano di pesce appena pescato. Percorrete la via pedonale che dal porto attraversa il centro storico, Carrer Quadrado, e arriverete alla Cattedrale di Santa Maria, chiesa in stile gotico catalano che risale al 1300. Dal porto potete anche passeggiare lungo Carrer Marina e poi risalire lungo Carrer Porta del Mar per arrivare ai giardini di Placa de Senplaxada.

Ciutadella

E se amate i fari, poco più a sud di Ciutadella, seguendo per 10 km circa la strada Me-24, troverete quello di Cap D’Artrutx, a fasce bianche e nere, alto e slanciato, ben visibile da terra e da mare.

Cap D'Artrutx

Un altro imperdibile borgo è quello di Binibeca Vell, non molto distante da Mahon e quindi più facilmente raggiungibile se arrivate da qui. Si tratta di un villaggio tutto bianco, una volta abitato da pescatori e oggi ospitante case di villeggiatura, ristoranti e negozietti di souvenir: è il mio preferito quando ripenso all’isola del vento, senza dubbio. Se potete, andateci verso il tramonto, prima di ritornare alla nave: la luce dorata sulle casine bianche si infila tra i vicoli di pietra e l’atmosfera è da fiaba.

Binibeca Vell

E ora veniamo alle spiagge: quelle che vi consiglio sono tutte sulla costa meridionale e al massimo sono raggiungibili in meno di un’ora da Mahon. Troverete le rispettive indicazioni percorrendo la ME-1, la strada che collega Mahon a Ciutadella.

Playa Son Saura

Una caletta con sabbia bianca finissima, interamente libera e priva di ombrelloni e lettini a pagamento, nè bar o ristoranti: Son Saura è del tutto incontaminata. L’acqua è limpida e turchese, digrada dolcemente e per questo è ideale anche per chi viaggia con bambini. La si raggiunge attraverso un sentiero nella pineta, dopo aver lasciato l’auto o il motorino al parcheggio a pagamento (tutte le spiagge più belle dell’isola prevedono un ticket che va da 2 a 5 euro per l’intera giornata, solitamente).

Playa Son Saura

Playa Son Bou

Questa è una spiaggia diversa dalle altre calette dell’isola: è lunga 3 km, alle spalle presenta molti hotel e ristoranti e ci sono anche molti bagni attrezzati con lettini e ombrelloni. Il parcheggio è gratuito, vicino al paese, e non faticherete a trovare posto vista l’ampiezza della spiaggia. Anche qui acqua limpidissima e fondo sabbioso, un sogno!

Playa Son Bou

Cala Macarella

Una spiaggia intima, con sabbia bianca e fondo basso per alcuni metri, circondata da rocce bianche e pini marittimi. Molto tranquilla verso l’ora del tramonto, quando in tanti se ne vanno. Anche qui il parcheggio è a pagamento (5 euro), ma ce n’è uno gratuito che dista una decina di minuti a piedi.

Cala Macarella

Cala Macarelleta

Questa è la sorella minore di Macarella: Macarelleta dista 15 minuti a piedi dalla prima e si raggiunge lungo un sentiero non proprio facilissimo da percorrere (mettete scarpe comode). Ma è così isolata e piccola che se ci andate nelle ore giuste potreste esserci solo voi! Ah, si tratta di una spiaggia aperta a tutti, ma potreste incontrare anche chi pratica nudismo.

Cala Macarelleta

Cala En Torqueta

Un’altra caletta magnifica tra cui scegliere dove passare qualche ora serenamente sdraiati sul bagnasciuga: Cala En Torqueta, che si chiama così ovviamente per il colore turchese dell’acqua. Non c’è spiaggia attrezzata, quindi portatevi l’ombrellone se lo avete oppure cercate riparo sotto ai pini marittimi. Se arrivate troppo tardi potrete trovare il parcheggio chiuso da una sbarra: io consiglio sempre di arrivare o al mattino presto, o all’ora di pranzo qunado in molti lasciano la spiaggia, oppure verso sera.

Cala En Torqueta

Cala Mitjana

Una delle più belle, anzi, forse davvero la caletta più suggestiva e selvaggia dell’isola, che potete ammirare anche facendo due passi sul sentiero roccioso sotto alla pineta: ecco Cala Mitjana! La si raggiunge seguendo le indicazioni per Ferreries e poi verso Santa Caldana; è molto ben organizzata con tavoli da picnic nella pineta e bagni prima di rientrare al parcheggio. In agosto l’acqua è caldissima e il colore chiaro della sabbia sul fondale le regala sfumature caraibiche.

Cala Mitjana

Non è un’isola come le altre, Minorca. Non c’è il caos di Ibiza, la folla di Maiorca, il jet set di Formentera. Ma è questo il bello: è un’isola selvaggia, che anche in alta stagione riesce a regalarti scorci di pura meraviglia e solitudine. Una settimana non basta per vederla tutta, figuriamoci un giorno: ma se durante la vostra crociera nel Mediterraneo desiderate assaporarne l’atmosfera per qualche ora, spero di avervi dato un’idea di ciò che vi aspetta.

Buon viaggio!

Salva

Salva

Autore

Silvia Cartotto

Silvia Cartotto

Freelance Travel Blogger & Web Marketing Consultant. Scrivo di viaggi al femminile e romanticherie su thegirlwiththesuitcase.com

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Al momento non ci sono commenti, desideri inserirne uno?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Seguici su

Widget Crociere
Ricerca Crociere

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Crocierissime Instagram
Sorry:

- Instagram feed not found.

Archivi

Categorie